Da Tirano a St. Moritz con il Trenino Rosso

Da Tirano a St. Moritz con il Trenino Rosso

Trenino Rosso del Bernina.
Molti lo chiamano il trenino più bello del mondo.

Questo forse anche per il fatto che i binari di questo favoloso Trenino Rosso  – in effetti si chiama Ferrovia Retica – portano il turista  sino a quasi toccare il cielo.
Questo spettacolare ed indimenticabile percorso ferroviario inizia a Tirano.
Salire sul Trenino del Bernina equivale ad entrare in un teatro ed il paesaggio che ci scorre davanti è il palcoscenico che offre uno spettacolo che muta con ritmo pigro.  Non è solo la natura a farsi ammirare ma è anche la ferrovia stessa a dare spettacolo; locomotive e vagoni giocattolo, stazioncine che sembrano fatte a traforo, curve strettissime Vi faranno allungare le mani per afferrare la coda del treno, viadotti e gallerie elicoidali con pendenze a tratti impressionanti. Indubbiamente anche il percorso contribuisce al fascino di questa linea: si leva dal fondovalle valtellinese ai boschi della Val Poschiavo, sino a salire tra i ghiacciai e le vette del Bernina per poi scendere nella sempre incantevole Engadina, sino a Pontresina e Saint Moritz.

  • Periodo proposto: da Marzo a Dicembre 2018 80% 80%
Organizzazione Tecnica VALTELLINA HOTELS

Una giornata nell’esclusiva mondanità ed eleganza di St. Moritz

Arrivo con Vs. mezzi alla stazione della Ferrovia Retica di Tirano entro 20 minuti prima della partenza del treno prescelto.

Tirano graziosa cittadina posta a 450 m. sul livello del mare, è situata al centro della Valtellina alla confluenza dell’Adda e del Poschiavino, al confine di Stato con la Svizzera. Il borgo di fondovalle è immerso nelle coltivazioni tipiche valtellinesi (vite e melo) ed è circondato dalle sue caratteristiche frazioni(Baruffini, Valogna, Gilera e Roncaiola) poste sulle pendici Retiche ed orobiche del sistema delle Alpi. Più sopra il paesaggio è caratterizzato dai folti boschi a tratti interrotti dai numerosi maggenghi. I centri storici del borgo, Tirano-vecchia e madonna, ricchi di testimonianze storiche ed artistiche così come le frazioni, hanno mantenuto strutture e caratteristiche tipicamente valtellinesi.  Crocevia di valli  e sistemi diversi, all’incrocio tra il Passo dello Stelvio, il Passo del Bernina, il Passo dell’Aprica ed il lago di Como, Tirano si è sempre distinta come luogo d’incontro e di scambio di prim’ordine; ne è testimone l’antica piazza della Basilica con le sue antiche e rinomate fiere che fin dal XVIº secolo costituiscono appuntamento importante per italiani e svizzeri.

Orari Trenino Rosso in partenza da Tirano per St. Moritz in carrozze riservate ad uso esclusivo per voi:

  • Partenza ore 07.40 – arrivo ore 10.11
  • Partenza ore 09.00 – arrivo ore 11.11
  • Partenza ore 09.40 – arrivo ore 12.11
  • Partenza ore 11.00 – arrivo ore 13.11
  • Partenza ore 11.40 –  arrivo ore 14.11

Incontro con il ns. guida. Disbrigo formalità doganali. Partenza per il Passo del Bernina/St.Moritz con Il Trenino Rosso Del Bernina

PreparateVi a stupirVi!

Dopo pochi chilometri troviamo subito una meraviglia, il viadotto di Brusio, una rampa elicoidale all’aperto, unica nel suo genere. Oltrepassata Poschiavo, capoluogo dell’omonima valle con le sue belle dimore patrizie, il viaggiatore raggiunge Alp Grum, eccezionale punto panoramico e naturalistico. L’aspra nudità del paesaggio, si inerpica fino ad un’altitudine di 2.253 mt. qui il Lago Bianco e Lago Nero si mostra in tutto il suo splendore.

Maestoso e unico nello spettacolo, si erge l’imponente mondo dei ghiacciai del gruppo del Bernina coi suoi quattromila metri scintillanti di nevi eterne. In seguito attraverso un tripudio di colori si raggiunge il salotto delle feste delle Alpi Svizzere, St.Moritz!

Benvenuti a St.Moritz

Sankt Moritz m. 1.816 “Top of the world”. Situata in riva ad un pittoresco lago, St.Moritz è universalmente riconosciuta come tra i più eleganti ed attrezzati centri di soggiorno montano del mondo. In una magica atmosfera, al centro della splendida regione dei laghi, in Engadina, s’intrecciano sciccheria, eleganza ed esclusività. Il paesaggio di straordinaria bellezza costellato da 25 laghi alpini e ricco di boschi e ghiacciai, il clima secco e frizzante come lo champagne e l’intensa insolazione, sono la splendida cornice naturale a questa incantevole cittadina. Il Centro di Cure Termali, la consistente offerta culturale, le attrezzature sportive di ogni genere, il Parco Nazionale Svizzero e non da ultimo il carattere cosmopolita della località (il 70% degli ospiti proviene dall’estero), contribuiscono al successo di St. Moritz. Molto interessanti da visitare sono il Museo di Segantini che raccoglie le più importanti opere del celebre pittore ed il museo Engadinese che, allestito in una casa tradizionale ricompone alcuni ambienti ed arredati tipici dell’edilizia della valle

Visita guidata nel centro della famosa cittadina svizzera. Dopo una breve passeggiata lungo le rive dell’omonimo lago, possibilità di consumare un pranzo libero oppure pranzo in ristorantetipco nell’esclusiva Sonne Platz.

Nel pomeriggio proseguimento visita guidata ai laghi e al Passo Maloja e rientro transitando con Vs. pullman, nel caratteristico centro engadinese di Pontresina, dove il fascino esclusivo delle casette vi stupirà.

Al Passo Bernina breve sosta panoramica sul ghiacciaio e arrivo a Tirano. Proseguimento per la città di provenienza con sosta al Santuario della Madonna di Tirano. Fine servizi.

Servizi Inclusi

  • Guida a disposizione per l’intera giornata per visite come da programma
  • Passaggio con il Trenino Rosso Tirano – St.Moritz in carrozze riservate ad uso esclusivo

Quota di Partecipazione per persona
(minimo 25 partecipanti):

  • Adulti: € 39,50
  • Ragazzi 6/16 anni non compiuti: € 24
  • Bambini 0/6 anni non compiuti: € 10
  • Supplemento Pranzo con bevande incluse in ristorante a St.Moritz sia adulti che bambini: € 28

NB: Le quotazioni sono state calcolate sul cambio euro/franco aggiornato all 10 ottobre 2017

In caso di variazioni nel corso del periodo di validità della presente offerta SUNRISE HOLIDAYS si riserva di riadeguare il preventivo.

Organizzazione Tecnica  http://www.welcomeinlombardy.com/valtellina-hotels/

CONTATTA L'AGENZIA VALTELLINA HOTELS





OBBLIGATORIO - Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo quanto espresso nella privacy policy. La compilazione del presente modulo ci consente di prendere in carico la tua richiesta, di comunicare i dati a società terze che svolgono le funzioni necessarie all’operatività del servizio richiesto e di ricontattarti ai soli fini di soddisfare la tue richieste..


Guarda le altre proposte di VALTELLINA HOTELS

… vieni a trovarci su VALTELLINA HOTELS

Percorso religioso della Valtellina

Un percorso nei paesi protagonisti della storia della Valtellina, con una stratificazione secolare di forme artistiche, culturali e di tradizioni che vanno dal Romantico al Barocco.

Percorso religioso della Valtellina

Percorso religioso della Valtellina

Una valorizzazione territoriale che passa fra cinque Provincie Brescia, Bergamo, Sondrio, Como e Lecco, tra due Nazioni Italia e Svizzera, tra due Siti Patrimonio Mondiale Unesco Il Parco delle Incisioni Rupestri della Valle Camonica e il percorso del Trenino Rosso del Bernina tra due Parchi Nazionali, quello dello Stelvio e il Parco Nazionale Svizzero, creando un’interazione tra siti religiosi e una presentazione dei beni culturali, naturalistici, enogastronomici dei territori presi in considerazione.

I percorsi che intendiamo proporre, con esclusivi pacchetti, vogliono dare una nuova valenza al concetto di bene religioso e culturale, creando offerte mirate che valorizzano l’intero contesto territoriale delle nostre Valli, con la finalità di cogliere tutti gli aspetti tipici ed esclusivi che, ad oggi, sono ancora poco conosciuti e poco proposti al mercato religioso nazionale ed internazionale.

Le nostre offerte saranno articolate sul tema degli edifici dedicati alla Madonna, in particolare, ripercorrono la storia e i conflitti religiosi che hanno coinvolto i territori legati al dominio Grigione svizzero

  • Periodo proposto: TUTTO L’ANNO (ad esclusione del Santo Natale e Pasqua) 90% 90%
Organizzazione Tecnica VALTELLINA HOTELS

Programma religioso proposto

  •  1º giorno – VERSO LA VALCAMONICA: il bello e il sublime dell’arte sacra

Arrivo nella tarda mattina con Vs. pullman al Passo Aprica percorrendo il Lago d’Iseo e la Valcamonica. Visita al Santuario di Maria Ausiliatrice e alla Chiesa di San Pietro.
Pranzo. Brevi momenti di relax. Proseguimento per Tirano.
Visita guidata con degustazione presso la Tenuta La Gatta, prestigiosa sede storica della casa vinicola Triacca situata negli spazi di un ex convento domenicano del 1500. Dopo la passeggiata tra i vigneti terrazzati e la visita alle cantine della tenuta la Gatta, seguirà una degustazione guidata dei vini valtellinesi della cantina.
Proseguimento della visita al Museo Etnografico Tiranese.
Presentazione e visita al Santuario della Madonna
Sistemazione in hotel riservato. Cena e pernottamento.

  • 2º giorno – il cuore della Valtellina e devozione lungo la Via Priula

Dopo la prima colazione, funzione religiosa presso il Santuario della Madonna di Tirano. Proseguimento per Grosotto. Visita al Santuario della Beata Vergine delle Grazie e a Grosio della Chiesa di s. Giorgio.
Pranzo in tipico ristorante con spuntino del contadino.
Nel pomeriggio partenza per Tresivio visita al Santuario della Santa Casa di Loreto.
Al termine proseguimento per Sondrio visita al Santuario della Sassella.
In serata rientro in Hotel. Cena tipica valtellinese. Pernottamento.

  • 3º giorno – i Grigioni e la val Bregaglia

Dopo la prima colazione incontro con la ns. guida. Disbrigo formalità doganali. Partenza per il Passo del Bernina/St.Moritz con il Trenino Rosso del Bernina, Patrimonio Mondiale Unesco.
Arrivo a St.Moritz. Incontro con Vs. pullman. Visita alla Chiesa di st. Mauritius o di S. Karl o Visita al Museo Segantini.
Pranzo in raffinato ristorante nella centralissima Sonne Platz.
Nel pomeriggio proseguimento per il  Passo Maloja , attraverso la Val Bregaglia, e arrivo a Chiavenna.
Visita al Santuario Apparizione di Maria Vergine di Gallivaggio nel centro storico.
Sistemazione in Hotel riservato.  Cena in un tipico crotto della Valchiavenna. Pernottamento.

  • 4º giorno – arte e fede sacra lungo la Via Regina e la Via Francisca

Dopo la prima colazione partenza con Vs pullman lungo la Via Regina per il Lago di Como con sosta a Domaso. Visita al Santuario della Madonna di Livio.
Proseguimento con sosta a Gravedona presso il Santuario Santa Maria del Tiglio.
Pranzo lungo le rive del Lago a Tremezzo.
Possibilità di visitare Villa Carlotta.
Nel pomeriggio partenza, sempre lungo la Via Regina, con sosta a Ossuccio presso il Santuario della Beata Vergine del Soccorso.
Arrivo a Como, sede della Diocesi, possibilità di visita alla Cattedrale Assunzione della Beata Vergine Maria. Fine dei servizi.

Servizi Inclusi

  • Visita al Santuario di Maria Ausiliatrice ad Aprica e alla Chiesa di San Pietro
  • Pranzo in ristorante
  • Visita con degustazione presso la Tenuta la Gatta di Bianzone e al Museo Etnografico di Tirano. Presentazione del Santuario dell’Apparizione della Madonna di Tirano
  • Sistemazione in camera doppia in hotel a Tirano con BEVANDE INCLUSE:
  • 1° giorno: Cena – pernottamento
  • 2° giorno: Prima colazione – spuntino del contadinocena tipica valtellinese – pernottamento
  • 3° giorno: Prima colazione
  • Guida a disposizione per l’intera giornata DI visita a Moritz
  • Passaggio con il Trenino Rosso Tirano – St.Moritz in carrozze riservate ad uso esclusivo
  • Visita guidata alla Chiesa di St.Mauritius
  • Pranzo a Moritz in noto ristorante con bevande incluse
  • Visita al Santuario dell’Apparizione di Maria Vergine di Gallivaggio
  • Cena in tipico crotto della Valchievenna
  • Sistemazione in camera doppia in hotel a Chievanna con BEVANDE INCLUSE:
  • 3° giorno: Pernottamento
  • 4° giorno: Colazione
  • Visita al Santuario Madonna di Livio a Domaso, Santuario Santa Maria del Tiglio a Gravedona, Santuario della Madonna della Lacrime a Dongo e al Santuario della Beata Vergine del Soccorso a Ossuccio
  • Pranzo a Tremezzo sul Lago di Como
  • Visita alla Diocesi di Como

 Possibilita’ di escludere dei pranzi o ridurre dei servzi a vostra richiesta

Quota di Partecipazione per persona (minimo 35 partecipanti):

  • Adulti in camera doppia:  da 360.00 €
  • Adulti in camera singola: da 420.00 €
  • Ragazzi 6-12 anni in 3° e 4° letto: da 290.00 €
  • Supplemento bevande in hotel: 2,50 € a cena
  • Supplemento Ponti Festivi, Natale, Capodanno e Agosto, a seconda della disponibilità: 25,00 €
  • Riduzione itinerari da lunedì a giovedì (escluso agosto e dicembre): 10,00 €

Organizzazione Tecnica VALTELLINA HOTELS


Il cuore della Valtellina
Un percorso nei paesi e monumenti protagonisti della storia della Valtellina, con una stratificazione secolare di forme artistiche, culturali, di costume e di tradizioni che vanno dal Romantico al Barocco.

La Via Francisca
È un tratto dell’antica via Regina che parte da Sorico e giunge in Valchiavenna oltrepassando lo spartiacque tra la provincia di Como e quella di Sondrio. La sua origine è legata a quella della strada romana chiamata antica via Regina essendo una prosecuzione naturale della direttrice principale di essa.

La Via Priula
È un percorso escursionistico di elevato valore storico. Esso segue da vicino il tracciato dell’antica strada commerciale realizzata nel 1593 per collegare la Pianura Padana con la Valtellina.

Val Bregaglia, una valle, due Nazioni
La Bregaglia è una valle di confine situata a cavallo della frontiera tra Svizzera e Italia. In passato, e ancora oggi, la Val Bregaglia si presenta come luogo di passaggio che ha consentito una reciproca contaminazione culturale, politica e religiosa tra la comunità italiana e svizzera..

I luoghi di culto inseriti nelle nostre proposte

Santuario di Maria Ausiliatrice di Aprica
Iniziato nel 1995, è stato consacrato dal vescovo diocesano mons. Alessandro Maggiolini il 30 maggio 1999. Il Tempio sorge accanto all’antica chiesa parrocchiale di San Pietro, modernissimo e funzionale, consta di un pronao che funge anche da battistero e di un’ampia aula.

ll Santuario della Beata Vergine Madonna di Tirano.
Sorge al centro di uno storico crocevia, in fianco alla S.S. 38, sul Iuogo dove la Vergine apparve, il 29 settembre 1504. ll Santuario, a tre navate a croce latina, è il più bell’esempio di Rinascimento in Valtellina.

Il Santuario della Beata Vergine delle Grazie di Grosotto e la Chiesa di San Giorgio a Grosio
Ben visibile dalla strada che attraversa il paese, è il primo santuario mariano in terra valtellinese. L’edificio fu eretto in ringraziamento alla Madonna per lo scampato pericolo del borgo minacciato dai Grigioni nel 1487. La Chiesa di San Giorgio di Grosio risale forse al Xlll sec. ed è menzionato in un documento del 1252.

ll Santuario della Santa Casa di Loreto a Tresivio
Sorge a Treviso paese di antichissime origini, forse etrusche, punto di riferimento per tutta la Valle. La struttura architettonica è inusuale, costituita da un ampia voltata a botte. Il singolare tempio mariano è imponente e si presenta come un grande scrigno, ben visibile anche da lontano, a custodia e protezione di un altro edificio interno: La Santa Casa di Nazareth , in cui è conservata la Madonna Nera.

Il Santuario della Sassella a Sondrio
Il santuario sorge su un dosso roccioso presso Sondrio, vicino alla strada statale. Secondo la tradizione, fu fondato in età medievale (nel 932) L’edificio attuale è però databile intorno al XV secolo.

Santuario Apparizione di Maria Vergine di Gallivaggio o Madre della Misericordia di San Giacomo Filippo
Si trova lungo la strada statale per lo Spluga, è stata costruita nel luogo dove, come vuole la tradizione, apparve miracolosamente la Madonna a due ragazze nell’ottobre del 1492.

Abazzia di Piona
La storia di Piona mette radici nel 610 d.C., quando sulla penisola venne fondato un oratorio dedicato a Santa Giustina. Fu consacrata nel 1138 accanto ai resti di un altro edificio romanico.

CONTATTA L'AGENZIA VALTELLINA HOTELS





OBBLIGATORIO - Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo quanto espresso nella privacy policy. La compilazione del presente modulo ci consente di prendere in carico la tua richiesta, di comunicare i dati a società terze che svolgono le funzioni necessarie all’operatività del servizio richiesto e di ricontattarti ai soli fini di soddisfare la tue richieste..


Guarda le altre proposte di VALTELLINA HOTELS

… vieni a trovarci su VALTELLINA HOTELS

Percorso religioso della Valtellina

Un percorso nei paesi protagonisti della storia della Valtellina, con una stratificazione secolare di forme artistiche, culturali e di tradizioni che vanno dal Romantico al Barocco.

Trenino Rosso del Bernina

Trenino Rosso del Bernina

Per i valtellinesi, parlare del “trenino rosso” è come parlare di un caro amico.

Questo perché il Bernina Express, non solo parte dal centro della Valtellina (Tirano), ma anche perchè, come la gente di montagna, è instancabile nel suo lento peregrinare tra dolci valli e alti passi alpini fino a raggiungere la sua meta nel cuore dell’alta Engadina.

Anche il turista rimane affascinato da questo treno che per molti è il più bello del mondo.

Salire sul Trenino Rosso del Bernina equivale ad entrare in un teatro ed il paesaggio che ci scorre davanti è il palcoscenico che offre uno spettacolo che muta in continuazione.

Non è solo la natura a farsi ammirare ma è anche la ferrovia stessa a dare spettacolo con i suoi viadotti e gallerie elicoidali che raggiungono pendenze a tratti impressionanti. Sicuramente anche il percorso contribuisce al fascino di questa linea: si va dal fondovalle valtellinese ai boschi della Val Poschiavo sino a salire tra i ghiacciai e le vette del Bernina per poi scendere nella sempre incantevole Engadina fino a Pontresina e Saint Moritz.

Il Trenino Rosso del Bernina, è composto da carrozze moderne, confortevoli e compie un percorso di circa 60 km, Patrimonio mondiale Unesco dal 2008, la ferrovia Retica, ha compiuto 125 anni di attività nel 2015. La Ferrovia Retica è una delle più famose linee ferroviarie a scartamento ridotto europee. Non è soltanto “un mezzo di trasporto” che comodamente porta i viaggiatori da un punto ad un altro, ma, soprattutto, è diventato negli anni un modo di vivere la natura comodamente seduti nella confortevoli carrozze e vedere, come in un film, scorrere i panorami della vallate alpine, le cascate e i torrenti che con il loro rumoreggiare fanno a gara con il cinguettio di innumerevoli tipi di uccelli, dalle simpatiche cinciallegre alle maestose aquile.

Ritrovo dei partecipanti nel luogo convenuto e partenza per Tirano. Viaggio in Bus GT con soste facoltative lungo il percorso. Breve visita libera di Tirano, e pranzo libero. Alle ore 13:00 partenza dalla stazione di Tirano con il famoso Trenino Rosso del Bernina, dove si inizia il viaggio in direzione di St Moritz.

Pochi chilometri dopo aver lasciato la stazione di Tirano il treno incontra già un capolavoro di ingegneria: il viadotto elicoidale di Brusio. Oltrepassata Poschiavo, capoluogo dell’omonima valle, il TRENINO ROSSO raggiunge Alp Grüm (2.091 m) eccezionale punto panoramico. Si giunge poi ai 2.253 metri della stazione di Ospizio Bernina, sull’omonimo passo, che divide la Val Poschiavo dall’Engadina. Successivamente si apre la veduta sull’imponente Ghiacciaio del Morteratsch e sul gruppo montuoso del Bernina con i suoi 4.000 metri.

Il viaggio in trenino durerà indicativamente 2 ore e venti minuti. Al loro arrivo a St Moritz, i clienti avranno tempo a disposizione per la visita libera della famosa cittadina Svizzera situata nell’Alta Engadina. Alle ore 16:30 inizio del viaggio di ritorno in Bus GT. Arrivo in serata nello stesso luogo di partenza.

Città di partenza

  • Brescia ore 06:20 – Uscita autostradale Brescia Centro – Parcheggio Brescia Parking
  • Bergamo ore 07:00 – Parcheggio ‘‘Malpensata’’ – Via Giovanni Carnovali
  • Agrate ore 07:35 – Rotonda Uscita Autostradale – Parcheggio fronte Galbusera Spa – Via G. Marconi.
  • Milano ore 08:00 – Stazione Metropolitana Cascina Gobba – Area Bus – (Indicazioni in auto: Via Bormio – Cascina Gobba).
  • Seregno ore 08.20 – Parcheggio fronte Istituto Superiore “Martino Bassi” – Via Briantina, 68.

Informazioni sul viaggio

Pochi chilometri dopo aver lasciato la stazione di Tirano, il treno incontra già un capolavoro di ingegneria: il viadotto elicoidale di Brusio. Oltrepassata Poschiavo, capoluogo dell’omonima valle, il trenino rosso raggiunge Alp Grüm (2.091 m), eccezionale punto panoramico. Si giunge poi ai 2.253 metri della stazione di Ospizio Bernina, sull’omonimo passo, che divide la Val Poschiavo dall’Engadina. Successivamente, si apre la veduta sull’imponente Ghiacciaio del Morteratsch e sul gruppo montuoso del Bernina, con i suoi 4.000 metri. – Giunti a St. Moritz, tempo libero a disposizione per la visita alla famosa cittadina Elvetica; il viaggio riprende poi in Bus GT, per il rientro alle località di partenza.

Contenuto dell’offerta

Incluso in tutte le opzioni:

  • Viaggio in pullman A/R
  • Trenino del Bernina da Saint Moritz a Tirano con vettura standard di 2° classe
  • Accompagnatore per l’intera giornata e miniguida in omaggio
  • Offerta disponibile per 1 ragazzo o 1 adulto

Le opzioni

Quota adulto € 64.00
Quota ragazzo (0-8 non compiuti) € 49.00

Organizzazione Tecnica: ADRASTEA VIAGGI

CONTATTA L'AGENZIA ADRASTEA VIAGGI





OBBLIGATORIO - Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo quanto espresso nella privacy policy. La compilazione del presente modulo ci consente di prendere in carico la tua richiesta, di comunicare i dati a società terze che svolgono le funzioni necessarie all’operatività del servizio richiesto e di ricontattarti ai soli fini di soddisfare la tue richieste..


Guarda le altre proposte di Adrastea

… vieni a trovarci su Adrastea

Trenino Rosso del Bernina

Il Trenino Rosso del Bernina è una delle più famose linee ferroviare a scartamento ridotto europee. E’ diventato negli anni un modo di vivere la natura comodamente seduti nelle confortevoli carrozze e vedere, come in un film, scorrere i panorami della vallata alpina, le cascate e i torrenti.

L’Engadina e l’Alta Valtellina

L’Engadina e l’Alta Valtellina

Colico – Chiavenna – Saint Moritz – Passo del Bernina – Livigno – Bormio – (160 km)

Itinerario di alta montagna, di eccezionale interesse paesistico in uno scenario di verdi vallate, placidi laghi alpini, grandiosi gruppi montuosi di rocce e ghiacciai, attraverso notissimi passi e celebrate stazioni di soggiorno.

Da Chiavenna si risale la val Bregaglia incisa tra alte fiancate, verdeggiante in basso e dopo la dogana di Castasegna, da dove si entra in Svizzera, con caratteri via via sempre alpestri.
Stretti tornanti tra le conifere portano al passo Maloja a 1.815 metri si altitudine, dal quale ci si affaccia al luminoso quadro dell‘alta Engadina col vivo contrasto cromatico dei prati e dei fitti boschi di conifere, dei laghi, del fondovalle e delle imponenti cime ghiacciate del gruppo del Bernina.
Toccata Silvaplana e attraversata St. Moritz, si scende a Celerina, ove si lascia la valle dell’Inn, per risalire quella del Bernina, da Pontresina al passo del Bernina a 2.323 metri, con viste sempre grandiose sul massiccio.

Discese le prime rampe dell’alta val Poschiavina, si lascia la strada per Tirano rientrando in territorio italiano alla Forcola di Livigno a 2.323 metri; qui si apre la lunga e regolare valle dello Spol, a verdi pascoli, tutta punteggiata dalle case di Livigno e occupata all’estremità da un vasto lago artificiale. Una strada s’inerpica sul fianco orientale della valle, portando al passo d’Eira a 2.208 metri, poi, al passo di Foscagno a 2.291 metri, dove si trova il controllo doganale (Livigno è zona franca).
Discesa con belle vedute nella boscosa val Viola dominata dall’alta Cima de’ Piazzi, fino a Bormio, coronato dalla dirupata Cresta di Rcit.

  • Cosa c’è da vedere?

A Chiavenna la chiesa di S. Lorenzo, con il battistero e il tesoro.
Una curiosità del territorio di Chiavenna sono i crotti, caviti: naturali in cui circolano soffìoni d’aria (detti sorel), provenienti da spaccature della roccia. Essendo ventilati e a temperatura costante, sono adibiti a cantine per la stagionatura del vino e dei salumi.
A nord dell’altura del Paradiso si trova una profonda trincea denominata Caurga, ricavata da un’antica cava romana; sulla parete è inciso il nome “Salvius”, forse del proprietario.

Alle prime rampe della salita al Maloja un sentiero (segnalato) porta alla gola e alla cascata dell’Orlegna.
Dal passo un belvedere permette di dominare la val Bregaglia.

Dopo una sosta ai bordi dei romantici laghi di Sils e di Silvaplana, si consiglia di salire in funivia al Corvatsch a quota 3.303, tra i ghiacciai, con un grandioso panorama sulle Alpi engadinesi.

A St. Moritz si può oziare lungo le eleganti vie del centro passando in rassegna le ricche vetrine, o scendere al lago (con maggior tempo a disposizione, visitare i musei Engadinese e Segantini).
La salita in funicolare a Corviglia (m. 2.005) offre il panorama della verde conca; raggiungendo in funivia il soprastante Piz Nair (m. 3.057) si hanno viste simili a quelle dal Corvatsch.

Lungo la strada del Bernina è d’obbligo una sosta per raggiungere in funivia la Diavolezza (m. 2.973), che offre un’indimenticabile visione del ghiacciaio del Morteratsch, del Bernina e del Pizzo Palù.
Uno splendido colpo d’occhio sul poderoso gruppo si ha anche dalla poco lontana funivia del Piz Lagalb (m. 2959); sullo stesso rnonte, interessante anche l’Alpinarium, parco per animali selvatici, che si possono osservare da apposite gallerie.
Poco oltre il passo d’Eira una breve seggiovia sale al monte Sponda, da cui si domina la lunga valle di Livigno.

A Bormio sono di grande interesse il vecchio borgo, tra la chiesetta di S. Vitale e la Collegiata, e, al di là del Frodolfo, la contrada Combo.
Il palazzo De Simoni raccoglie documentazioni storico-artistiche e folcloristiche locali.
Bel punto panoramico sulla conca e sull’alta Valtellina è il pianoro di Bormio 2000 (strada e funivia) e ancora migliore la Punta Bianca con la sua moderna funivia che sale fino a 3.012 metri da dove si può ammirare l’esteso panorama esteso dall’Ortles al Cevedale.
Un bagno nella nuova piscina termale può essere di sollievo alle fatiche del viaggio, piuttosto impegnativo.

  • Curiosità

A St. Moritz e a Pontresina si possono trovare torte e dolci engadinesi, costumi locali e articoli di legno lavorati, fiori secchi, pizzi di S. Gallo.
Livigno, zona extradoganale, è la mecca per chi vuole acquistare a buon prezzo articoli di ogni genere; per contro, la dogana di Foscagno è una delle più “difficili” d’Italia.
A Bormio si trova la bresaola, formaggi e vini valtellinesi  e tutti i tipici prodotti dell’artigianato della valle: rame, ferri battuti e caratteristici lavori in pietra ollare.

Visita la Lombardia

Incoming Lombardia
Eno-gastronomia, itinerari culturali, visite guidate … e molto altro

Le province

Provincia per Provincia
Viaggi, alloggi, ristorazione, attività sportive e visite guidate …

Il Lago di Livigno è navigabile

Il Lago di Livigno è navigabile

Per tutti gli appassionati di sport acquatici e amanti della montagna possono vedere realizzato il sogno di unire le loro passioni in un unico luogo.

Il Lago di Livigno, è navigabile per imbarcazioni non a motore fino a 6 metri di lunghezza e 1,5 mentri di pescaggio; kayak, al kitesurf, al SUP, al windsurf, al canottaggio e alla barca a temi.

Il tema dell’acqua si aggiunge all’offerta turistica estiva di Livigno aggiungendo un tassello importante per una perfette vacanza tra le Alpi.

E se proprio non avete idea di dove alloggiare l’Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort è una delle vostre possibili scelte.

L’hotel, non solo propone diverse offerte come “Lungolivigno Summer Special” con 7 notti al prezzo di 6 e 4 notti al prezzo di 3 se si soggiorna durante la settimana (l’offerta non è valida  durante le due settimane centrali di agosto) e dal 18 luglio al 18 agosto la proposta inerente al mese dell’Ayurveda, ma anche escursioni quotidiane in compagnia di una guida, supporto tecnico per chi desidera organizzare il proprio trekking in autonomia e offre un servizio di noleggio dell’attrezzatura.
Per maggiori informazioni:  www.lungolivigno.com

Se dopo tanti sport acquatici ti è venuta voglia di avere i piedi ben piantati a terra?
Bene, le stesse cime che si specchiano nell’acqua possono diventare lo scenario di fantastici trekking.

Dal lago di Livigno si può infatti partire alla scoperta delle sorgenti dell’Adda.
sorgenti delladdaIl cammino porta lungo un bellissimo sentiero attraverso la val Alpisella.
Un itinerario poco impegnativo e alla portata di tutti, mentre chi vuole faticare un po’ di più non deve perdersi l’ascesa alla Cima Fopel.

Il lago è navigabile ma non balneabile a causa della bassa temperatura dell’acqua e sorvegliato da un servizio di sicurezza. Sul luogo c’è un servizio di noleggio barche e strutture attrezzate con kayak e barche a remi da due, tre e quattro posti. Gli orari di apertura vanno dalle ore 10 alle ore 18 (chiusura in caso di pioggia).
Infine l’accesso al lago per qualsiasi imbarcazione privata è consentito esclusivamente dal pontile e/o molo/ banchina appositamente predisposti e situati nell’area in riva antistante il punto INFO Lago, previo rilascio di un ticket emesso dal gestore noleggio imbarcazioni oppure attraverso registrazione sul sito: www.livigno.eu e sul quale verrà apposto obbligatoriamente l’orario di ingresso (check in) e l’orario di uscita previsto (check out). Il ticket è a pagamento e a tariffa unica con il prezzo di Euro 3,00. Nel prezzo sono compresi i servizi di informazione, spogliatoi e docce.

Una novità per rendere l’estate tra le Alpi ancora più piacevole

Non ti resta che preparate il windsurf, il kajak o l’attrezzatura per il kytesurf per lasciarti cullare dalle onde di uno dei laghi più belli d’Italia.

Per maggiori informazioni:  http://www.livigno.eu/it/

fonte TGCOM24

Visita la Lombardia

Incoming Lombardia
Eno-gastronomia, itinerari culturali, visite guidate … e molto altro

Le province

Provincia per Provincia
Viaggi, alloggi, ristorazione, attività sportive e visite guidate …